mercoledì 4 gennaio 2017

Murgia M. - Accabadora; Chirù - Einaudi




Due libri davvero interessanti di una, secondo me, grandissima scrittrice. Accabadora, che è anche il suo primo romanzo, è un vero pugno nello stomaco, che non riesci a posare fino a che non lo finisci. Una storia di amore e di morte anomala e coinvolgente che nel suo terribile svolgimento ti conduce lungo una china inarrestabile verso un finale già espresso fin dall'inizio, ma non per questo meno appassionante. La seconda, a raccontare la vicenda di un rapporto anch'esso anomalo tra maestra ed allievo, vissuta sulla lama stretta delle elucubrazioni mentali e dello scambio continuo dei ruoli tra chi possiede e chi è posseduto, attraverso un legame che tira e conduce autonomamente al di là delle volontà a sua volta dominata. Un topos già visto mille volte in storie di tutte le letterature, che qui diventa ancora nuova e rivitalizzata attraverso sottili e complicati autoesami  psicologici per giustificarsi e giustificare  i sentimenti. In entrambi i casi le storie sono supportate da una scrittura importante e carica di poesia, con l'uso continuo di aggettivi che danno nuovi significati ai sostantivi che sottendono. Da leggere assolutamente.

Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:



2 commenti:

Chicchina Acquadifuoco ha detto...

Ho letto solo il primo,scioccante e coinvolgente,davvero si va alla fine d'un fiato.
L'autrice mi piace e la tua presentazione mi tenta anche per il secondo romanzo.Buon anno,anche se è già iniziato.

Enrico Bo ha detto...

Beh la storia in Chirù non hacerto la stessa potenza però traspare la bravura della scrittrice. Buon anno anche a te!

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!