Myanmar - Istr. per l'uso

A travel survival kit

Questa pagina è costituita unicamente da suggerimenti pratici e consigli di viaggio per tutti coloro che decideranno di programmare un viaggio in Myanmar. Molti li ho già dati di volta in volta nei singoli post dedicati e quindi potranno esserci delle ripetizioni. Se qualcuno ha bisogno di info più dettagliate, può chiedermele direttamente via e-mail.


Itinerario.

Il mio viaggio è stato abbastanza completo per avere una conoscenza di tutti gli aspetti del paese e necessita di circa 4 settimane, incluso il viaggio.



L' itinerario, a cui vanno aggiunti almeno 3 giorni di viaggio (si può includere una o più notti negli Emirati che rappresentano quasi sicuramente un punto di passaggio d'obbligo) che ho svolto io è il seguente:


Giorno 01:
Yangon arrivo (Hotel New Yangon 50€)
Giorno 02:
Yangon visita (Hotel New Yangon 50€)
Giorno 03:
Yangon / Sittwe -volo circa 200€ - Hotel Shwethazin 90 €
Giorno 04:
Sittwe/ Mrauk U - Battello 8 € - Nawaratt Hotel 90€
Giorno 05:
Mrauk U - Nawaratt Hotel 90€
Giorno 06:
Mrauk - Kyauktaw - Chin village 
Giorno 07:
Mrauk U- Sittwe ( Battello- il diretto 20$ ) 
Giorno 08:
Sittwe-Yangon (volo-Hotel  New Yangon 50$ ).
Giorno 09:
Yangon - Bago - Golden rock.( Golden Sunrise Hotel 55$ )
Giorno 10:
Golden rock - Taungoo.( Mother's House 35$ )
Giorno 11:
Taungoo - Kalaw.( Pine Breeze 35$ )
Giorno 12:
Trekking  sulle colline di Kalaw ( Pine Breeze 35$ )
Giorno 13:
Kalaw - Pindaya cave - Inle. ( Aungmingalar 45$ )
Giorno 14:
Tutto il giorno in barca sul lago Inle
Giorno 15:
Inle - Kakku - Kalaw.( Pine Breeze 35$ )
Giorno 16:
Kalaw - Mandalay.( Royal city 35$ )
Giorno 17:
Mandalay city tour & Boat trip a Mingun ( Royal city 35$ )
Giorno 18:
Amarapura - Sagai - Monywa.( Jade Royal Hotel 60$ ).
Giorno 19:
Monywa - Phowin cave - Bagan.(Eden 30$ o meglio Grand Empire Hotel -40$ )
Giorno 20:
Bagan.(Eden 30$ o meglio Grand Empire Hotel -40$ )
Giorno 21:
Bagan.(Eden 30$ o meglio Grand Empire Hotel -40$ )
Giorno 22:
Bagn - Mt:Popa - Ngwe saung beach ( Shwehinthar 65$ )
Giorno 23:
Beach-Yangon.( Hotel  New Yangon 50$ ).
Giorno 24:
Partenza




A questo itinerario può essere eliminato il giorno 12 in quanto il trekking attorno a Kalaw è piuttosto insignificante e il giorno 7, in quanto il ritorno da Mrauk U a Yangon si può fare in un giorno solo sfruttando il traghetto diretto. A questo punto considerando che il visto turistico massimo per il Myanmar è di 30 gg, si può aggiungere una settimana da usufruire o tra mare + qualche giorno nello stato Mon, o con un giro nello stato Chin appena aperto (la mia agenzia lo offre a 600  a testa con 4x4 e guida obbligatoria tutto compreso), oppure nello stato Shan.

Visti

Ottenibili solo all'ambasciata di Roma, vedere sul sito, 25 Euro + la spedizione TNT sui 20 Euro per tutti i passaporti. Il visto non è ottenibile alla frontiera.

Voli

Cercate incessantemente sul web, le buone occasioni per avere dei prezzi vantaggiosi per esempio qui, considerando che il periodo migliore va da ottobre a marzo che per i voli è quasi tutto fuori stagione. Io ho volato Ethiad con circa 650 € via Abu Dhabi/ Bangkok.


Periodo di viaggio.

Sarete condizionati da un clima tutto sommato difficile. Da maggio a ottobre caldo infernale e pioggia che renderà complessi, quando non impossibili (fango, frane) gli spostamenti, sia in auto che a piedi. Il periodo migliore (non piove) va da ottobre a marzo e comunque ci sarà sempre probabilità di leggere e fastidiose pioggerelle. Anche per il mare al di fuori di questo periodo è tutto off limit, gli alberghi sono addirittura chiusi.

Moneta

1 Dollaro = 1.000 Kyat (pronuncia Ciàt) circa, il chè rende i conti molto facili.

Usare di preferenza dollari (post 2006) nuovi e senza difetti, basta il minimo segno o spiegazzatura e saranno rifiutati, specie i pezzi grossi. Cambisti dappertutto, anche nei negozi in particolare nelle zone turistiche. Tenere dollarini spicci da 1 e da 5 può essere comodo. Tenete conto che non si possono in pratica trasferire soldi dall'Italia, quindi se dovrete pagare sul posto un'agenzia o chi vi porta in giro dovrete farlo portandovi dietro tutto il cash.

Il paese, dato l'aumento esponenziale del turismo ha visto il costo di alcuni servizi, aumentare in modo esponenziale, in particolare gli alberghi, molto cari a parità di qualità, riferito agli altri paesi dell'area. Fatevene una ragione e calcolate che per una sistemazione che in Laos sarebbe costata 10$, in Vietnam e in Thailandia 20$, ve ne costerà almeno 50 o più.


Sicurezza

Come sempre nei paesi dell'Estremo Oriente, mai avuta sensazione di pericolo, anche in zone periferiche o sulle spiagge o alla sera. Consigliatissimo anche alle donne sole. Tuttavia le precauzioni ed il buon senso devono sempre guidare a non tirar fuori soldi in giro o ad attardarsi da soli in zone poco frequentate, o nei mercati e luoghi affollati per il borseggio di destrezza. Tuttavia è uno di quei posti, forse ancora più degli altri, dove a questo riguardo ci si può rilassare e godersi la vacanza. Al limite nelle aree dove il turista è una vacca da mungere, qualche tassista cercherà di fregarvi sul prezzo o cercando di portarvi in hotel/ ristoranti/ negozi che gli danno una percentuale e magari diversi da quelli che avete chiesto. Negli alberghetti concordate bene prezzi e servizi prima, per non avere sorprese, qualcuno si è lamentato al riguardo, ma io non ho avuto riscontri diretti in questo senso.


Sanità.

Le consuete precauzioni asiatiche con le solite vaccinazioni (inclusa antitetanica e antiepatite). Per quanto riguarda la malaria, non dovrebbe essere un problema, debellata praticamente ovunque. In pratica la profilassi non viene neppure consigliata. Piuttosto, tenendo conto che in alcune zone è presente il Dengue, usate i cosiddetti comportamenti anti puntura, vestiti coprenti e chiari (compatibilmente col clima) e irrorazione con Autan potenziato (20%). Comunque nelle zone dove avrete il problema (delta, campagna di risaia) disporre di  una zanzariera sarebbe la cosa migliore, sola protezione valida, durante la notte, ma negli hotel non viene fornita, dato il fatto appunto che il pericolo è molto scarso. I problemi alimentari sono i soliti, io prenderei dei fermenti lattici preventivi e poi non mi farei troppe paranoie, se no devi rinunciare a tutti quei meravigliosi succhi di frutti tropicali che sono una delle godurie del viaggio, tanto anche chi sta morbosamente attento il cagotto, una volta durante il viaggio, se lo becca lo stesso. Due giorni di Imodium, carta igienica sempre pronta, mutande di ricambio e via andare. Portatevi ovviamente i vostri farmaci di routine che magari lì non si trovano.


Comunicazioni.

Internet e Wifi gratuito praticamente in tutti gli alberghi e in molti ristoranti, ma la connessione è molto lenta tale da impedire praticamente l'uso di Skype, funziona bene whatsap (o come si scrive). Quindi portatevi se lo usate il vostro tablet, ma tenete conto che spesso durante il giorno non viene fornita luce elettrica e quindi anche il wifi non funziona per nulla. Allora potete considerare di prendere una SIM locale. Presa elettrica per caricabatteria, se c'è corrente, come la nostra.

Trasporti e traffico.

Il traffico è intenso a Yangon, dove c'è anche il divieto di uso delle moto, per il resto abbastanza tranquillo. Spostamenti in ciclotaxi, moto taxi o classici trikschò collettivi, in città o per brevi tratti. Bus molto affollati. Valutate come sempre la possibilità di avere un' auto privata con driver (soprattutto se siete in 4 o 6 cosa che vi farà guadagnare un sacco di tempo e alla fine potrebbe rivelarsi anche pochissimo più cara dei mezzi locali. Io ho preferito(per il costo) l'auto agli spostamenti in aereo, anche per la possibilità di vedere cosa c'è in mezzo.


Agenzia per organizzare il tour.

Il discorso è sempre lo stesso. Ovviamente si può procedere completamente fai da te. In effetti utilizzare una delle tante agenzie che ti forniscono macchina con autista, una guida se la vuoi, ti prenota gli alberghi, del tipo che tu vuoi, con cui non dovrai litigare perché ti danno meno di quello che ti aspetti e che comunque ti consente di fare un itinerario individuale che prevede tutte le cose che ti interessano e che scegli tu, si rivela spesso a conti fatti, anche più conveniente per il prezzo finale e per il tempo che si risparmia, tenendo anche conto che la loro consulenza ti impedisce errori, tipo arrivare in posti quando è chiuso o cambiare l'ordine delle escursioni per ottimizzare il giro. Inoltre se l'autista (o la guida) sono bravi, ti condurranno durante i giri nei paesini in luoghi che tu non avrai mai la possibilità di sapere o in case dove non potresti entrare e questo da solo non lo potrai mai fare. 

Io mi sono appoggiato a:


Mutu Suresh
mutu.myanmar@gmail.com
www.myanmarexperttours.com
  009 59 431 68 442

Questa agenzia, mi ha offerto, tramite il driver Ko Yè che si è rivelato anche ottima guida, un servizio assolutamente ottimo, economico confrontato con altre offerte, flessibile e adattato, attraverso una lunga corrispondenza, alle mie esigenze, di percorso, di modo di viaggiare e di budget. Ha risolto con prontezza ogni piccolo inconveniente e mi ha dato la sensazione di assoluta affidabilità, fornendomi anche molti consigli utili sull'itinerario. La consiglio assolutamente, scrivetegli pure a mio nome, chiedendogli info, il sig. Mutu è, a dispetto del nome, molto loquace e molto pronto nel rispondere..


Alberghi e ristoranti

Quelli provati, li ho citati post per post, (gli alberghi anche nella descrizione dell'itinerario). Nei ristorantini piatti da 2 a 4 $. Non trascurate lo street food, con giudizio. Della cucina vi ho già parlato a parte, provate, provate, provate. La frutta non è regalata, considerato il costo della vita e neanche tanto varia come nei paesi vicini.

Altre notizie e consigli spiccioli sul mio itinerario li ho già dati nelle sezioni Survival Kit in fondo ad ogni post e qui sotto vi ci rimando.


Quindi per chi vuol conoscere qualcosa di più approfondito, più che altro sensazioni ed emozioni cotte e mangiate,  date un'occhiata qui o mandatemi una email:


E non dimenticate che tra qualche mese uscirà l'ennesimo libro /falsa guida di viaggio.


Flying away
Duro tornare a casa

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Mieux que le Lonely planet !
Jac.

Anonimo ha detto...

Buon lavoro. alla seconda riga del racconto sostituire Vietnam con Myanmar.

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!