giovedì 6 giugno 2013

Tai Ji in Cittadella.

La nostra cittadella diventa sempre più fruibile e adesso che il tempo diventerà più clemente, può essere veramente uno spazio di respiro per una città asfittica. Certamente se l'ansia distruttiva dell'alessandrinità (detta sindrome dell'avucat Truncòn, c'là sfac la cà per vendi i mòm) non avesse abbattuto il ponte che la collegava alla città, con un colpo di mano, un'azione di commando durante la settimana di agosto in cui la città era assente per ferie (ma in un altro momento non se ne sarebbe fregata allo stesso modo?), collegamento che ad onta di una macchina lasciata lì a marcire davanti al fantasma del nuovo ponte costruendo che di certo io non vedrò più, sarebbe stata ben più accessibile e popolata. Comunque per chi lo desidera, ogni domenica mattina, tempo permettendo, sul verde dal grande cortile centrale, un gruppo di amici, guidati dal maestro Damiano Doria, dimostrerà varie forme di Tai Ji Quan dalle 9:30 alle 10:30. Tutti coloro che desiderano sono invitati a vedere e soprattutto a partecipare. Venite in tuta e scarpette da ginnastica e buttatevi a scoprire una delle discipline orientali che hanno dimostrato maggiore efficacia nel proteggere fisico e mente dai processi di invecchiamento. E soprattutto, la parola magica che fa popolare davvero le manifestazioni alessandrine: Tutto aggratis!





Se ti è piaciuto questo post, ti potrebbero anche interessare:





Nessun commento:

Where I've been - Ancora troppi spazi bianchi!!! Siamo a 102 (a seconda dei calcoli) su 250!